2014 impermanenza

×    

20
14

Impermanenza

(english version coming soon)

Senza impermanenza, la vita non sarebbe possibile : un seme non potrebbe crescere, un fiore non potrebbe trasformarsi in un frutto un bambino non potrebbe diventare adulto.[read more=”Read More”less=”Read Less”]Anche la nostra personalità, il nostro io è solo un nome, che copre una moltitudine (un flusso) di elementi psicofisici in relazione tra loro – non limitati alla vita presente ma radicati in esperienze passate e proiettati in quelle future. L’individuo è una combinazione di forze od energie psico-fisiche, in continuo mutamento. Perchè in questo divenire senza inizio nè fine immaginiamo cose piuttosto che processi? Chiudiamo gli occhi davanti alla successione degli eventi: La vita non è una cosa, né uno stato, ma un continuo movimento e mutamento: nulla è ora lo stesso di come era un attimo fa.
Il nostro stesso “io” è un complesso di sensazioni, idee, pensieri, emozioni e in continua trasformazione ed evoluzione.
Secondo l’opinione corrente, la permanenza dà sicurezza, l’impermanenza no.
Pensiamo che cambiamento equivale a perdita e sofferenza : vogliamo disperatamente che tutto continui così com’è. In realtà, invece, l’unica cosa durevole è paradossalmente proprio l’impermanenza. E la nostra lotta per trattenere le cose così come oggi sono non solo è impossibile, ma – ironicamente – ci provoca proprio quella sofferenza che vogliamo evitare. L’errore sta nel fatto che – per essere felici – ci afferriamo a ciò che è per natura inafferrabile2. Invece di aggrapparci disperatamente alle cose e tenerle strette dovremmo imparare ad allentare la presa e a lasciar andare : In realtà, il mondo è come il susseguirsi dei fotogrammi di una pellicola cinematografica : non c’è nessuna sostanza che abbia una durata ; e gli elementi non mutano, ma scompaiono. Ne consegue la negazione del movimento : un elemento non può muoversi, poiché scompare non appena è apparso e quindi non c’è tempo perché possa muoversi. In effetti, quello che chiamiamo movimento è una serie di manifestazioni separate o lampeggiamenti che sorgono contiguamente l’uno all’altro, cioè apparizioni consecutive di nuovi elementi in nuovi posti. Tale divenire non esclude però l’impressione di una durata o continuità che – in realtà – non esiste.
E’ impossibile possedere le cose (o le situazioni) perché queste ci fuggono in virtù della transitorietà e dell’ impermanenza. E chi crede di riuscirci, si illude come colui che tenta di fermare il tempo spaccando l’orologio.[/read]

Impermanence and environs: Elena Scardanelli interviews Ferruccio Ascari[read more=”Read More”less=”Read Less”]
I wanted to talk with you a bit about Impermanenza, the installation you made in 2013 for the exhibition curated by Asilo Bianco at Museo Tornielli in Ameno, and about the video that has come out of this work, which in turn is part of a larger, more complex project, namely Restless Matter, a work in progress you have created for the web. Before asking you more specific questions about the work, I’d like to make an observation of a more general character regarding the project, the thought that seems to permeate it, to see if you agree. This requires a preamble. “Impermanence,” besides being the title of one of your works, is also a category, a key concept of Buddhist philosophy based on the observation that what constitutes every existing thing is simply a set of elements in relation to each other, transient and subject to continuous change: everything has a beginning, and an end. I think I can say that Restless Matter, the thought and the creative working method of the whole project and each of its constituent videos, has come into being under the sign of impermanence. I would like to know if you agree with this interpretation.
There is no need to look to the Far East to discover that impermanence is the true nature of all things. The Greek philosopher Heraclitus, to remain in our cultural zone, is already credited with the warning “everything flows,” the idea that “you cannot step twice into the same stream.” After all, reflection on the evanescence of things lies at the basis of much of Western thought and mysticism. I know little about Buddhism, but instead for some time now I have been interested in the philosophy behind yoga. In any case, I don’t believe that in an artistic work there has to necessarily be a concept that comes before, followed by an implementation. I much prefer to think of art as “thinking while doing” or “doing while thinking.” One day in the country I observe a pile of firewood and I “see” something I have never seen before: I still don’t know just what, but to give form to that initial intuition I start to take the pile apart. Taking things apart to figure out how they work is a child-like attitude I’ve never outgrown. Then I decide to put it back together, but instead of making a square base, with the logs at the bottom placed in one direction, those of the next layer placed crosswise, and so on in alternating layers, as woodpiles have always been made, I let myself by guided by the idea of the “triangle”: so I start to pile the logs on a triangular base, which is much less solid but turns out to be more and more fascinating, as the pile grows, precisely due to its precarious quality. Impermanenza is a work that starts like that, and then gets gradually refined in the months to follow. What I mean is that this, like almost all my other works, does not come from an abstract concept, but from a sudden “glimpse” of something I never saw before. The idea was already there in that form/woodpile, as if it was just waiting to be “seen” and trans/formed, to bring out a hidden aspect of its innermost nature.
The installation you did for Museo Tornielli is composed of architectural towers made with portions of branches, stripped of their bark and painted white. It conveys the sensation of something that almost through a miracle of statics, or in astonishing defiance of it, might remain standing for just a moment: the pieces of wood speak of a previous collapse and an inevitable coming collapse. What did you want to express through this work?
More than a desire to express, I think the attitude is one of listening, investigation, bringing what is hidden to light. Every form, every material contains its own secret. To interrogate a form, to torment a material, to push a tension to extremes, to take a structure to its limits: this is what I do when I work. In the case of Impermanenza what is taken to the limit is balance. If there is the desire to express something, that something lies precisely in “being at the limit.” On the verge of collapse. I believe the intention is not so different from that of the tightrope walker on his rope stretched across the void, or – less dangerously, but with a similar spirit – of a child building a house of cards. The gratuitous nature of play is essential, meaning not being subjected to utility. Play, like art, is a serious matter precisely because it eludes utility. Play is not useful, it is indispensable: which are two different things. Here the fall, the collapse, the ruin are indispensable, otherwise the game could not be played. The fall is intrinsic, though it can be hidden by appearances, in the balance itself. It is the true “repressed” part of the solid edifice everyone wants to display, rather than its ruin. Just the opposite of what is displayed by the towers of Impermanenza.
Is there any reference in this work to the myth of the Tower of Babel?
Who knows? I certainly do not have the ambition to “touch the sky” with a flimsy woodpile, but I can’t be held responsible for the interpretations of others…
The portions of branches stripped of bark and painted white, which serve as the construction material of the three towers, are strikingly similar to bones: animal bones, cleaned and polished by time. I won’t conceal the fact that when I saw this work I couldn’t help thinking about Capuchin crypts, the compositions of bones that adorn their chapels. But I don’t think that the theme here is that of the “memento mori” typical of the Catholic tradition. What do you think?
I think the theme of death is not completely absent in Impermanenza: while I was making it, the idea of the ‘”ossuary” did gradually take form, in effect, giving consistency to ancient fears and faraway fascinations. When I started to handle those sticks, in their raw state, with lichen all over them, with their smell, I sensed that they were elements that in spite of the fact that I liked them, might be overwhelming something essential I still was not fully aware of. It was as if they needed some kind of calcination process: hence the white, which clearly reveals the tendency of those sticks to become a sort of bone. Secondly, the white banishes the risk of a certain Arte Povera mannerism.[/read]

Impermanenza. Environmental installation, variable dimensions, Museo Tornielli, Ameno, 2014 [S0032]

Video documenting the installation at the Tonielli Museum. 2’27”, 2005

2014 restlessmatter.net

×    

20
14

Restlessmatter.net

restlessmatter.net is an online art project by Ferruccio Ascari. Installations and sculptures from different periods of the artist’s production become the starting points of a series of video works, progressively published on this website. As in much of his work, here the artist proceeds with variations, tackling ever present questions through ever changing languages.

2014 restlessmatter.net

×    

20
14

Restlessmatter.net

restlessmatter.net è un progetto speciale appositamente concepito da Ferruccio Ascari per il web. Una serie di installazioni e sculture appartenenti a periodi diversi della sua produzione artistica divengono, in questo progetto, punto di partenza per un ciclo di video d’artista che verranno progressivamente pubblicati su questo sito. Secondo una modalità tipica di tutto il suo lavoro egli procede per variazioni: attraversando linguaggi sempre diversi ogni nuova opera è quindi lo sviluppo di questioni già presenti in quelle precedenti.

2014 impermanenza

×    

20
14

Impermanenza

Senza impermanenza, la vita non sarebbe possibile : un seme non potrebbe crescere, un fiore non potrebbe trasformarsi in un frutto un bambino non potrebbe diventare adulto.[read more=”Read More”less=”Read Less”]Anche la nostra personalità, il nostro io è solo un nome, che copre una moltitudine (un flusso) di elementi psicofisici in relazione tra loro – non limitati alla vita presente ma radicati in esperienze passate e proiettati in quelle future. L’individuo è una combinazione di forze od energie psico-fisiche, in continuo mutamento. Perchè in questo divenire senza inizio nè fine immaginiamo cose piuttosto che processi? Chiudiamo gli occhi davanti alla successione degli eventi: La vita non è una cosa, né uno stato, ma un continuo movimento e mutamento: nulla è ora lo stesso di come era un attimo fa.
Il nostro stesso “io” è un complesso di sensazioni, idee, pensieri, emozioni e in continua trasformazione ed evoluzione.
Secondo l’opinione corrente, la permanenza dà sicurezza, l’impermanenza no.
Pensiamo che cambiamento equivale a perdita e sofferenza : vogliamo disperatamente che tutto continui così com’è. In realtà, invece, l’unica cosa durevole è paradossalmente proprio l’impermanenza. E la nostra lotta per trattenere le cose così come oggi sono non solo è impossibile, ma – ironicamente – ci provoca proprio quella sofferenza che vogliamo evitare. L’errore sta nel fatto che – per essere felici – ci afferriamo a ciò che è per natura inafferrabile2. Invece di aggrapparci disperatamente alle cose e tenerle strette dovremmo imparare ad allentare la presa e a lasciar andare : In realtà, il mondo è come il susseguirsi dei fotogrammi di una pellicola cinematografica : non c’è nessuna sostanza che abbia una durata ; e gli elementi non mutano, ma scompaiono. Ne consegue la negazione del movimento : un elemento non può muoversi, poiché scompare non appena è apparso e quindi non c’è tempo perché possa muoversi. In effetti, quello che chiamiamo movimento è una serie di manifestazioni separate o lampeggiamenti che sorgono contiguamente l’uno all’altro, cioè apparizioni consecutive di nuovi elementi in nuovi posti. Tale divenire non esclude però l’impressione di una durata o continuità che – in realtà – non esiste.
E’ impossibile possedere le cose (o le situazioni) perché queste ci fuggono in virtù della transitorietà e dell’ impermanenza. E chi crede di riuscirci, si illude come colui che tenta di fermare il tempo spaccando l’orologio.[/read]

Impermanenza e dintorni: Elena Scardanelli intervista Ferruccio Ascari.[read more=”Read More”less=”Read Less”]
Volevo parlare un po’ con te di Impermanenza, l’installazione che hai realizzato nel 2013 per la mostra curata da Asilo Bianco al Museo Tornielli di Ameno e insieme del video che prende spunto da questo lavoro e che, a sua volta, fa parte di un progetto più ampio e complesso: alludo a Restless Matter, opera in progress che hai progettato per il web. Prima di farti delle domande più specifiche su questo lavoro vorrei fare un’osservazione di carattere generale sul progetto, sul pensiero che mi pare l’attraversi e sapere se la condividi. Per farmi capire sono obbligata a fare una premessa: ‘impermanenza’ oltre a essere il titolo di un tuo lavoro é anche una categoria, un concetto chiave della filosofia buddhista alla base della quale c’è la constatazione che ciò che costituisce ogni cosa esistente altro non è che è un insieme di elementi in relazione tra loro, transitori e soggetti ad un continuo cambiamento: tutto ciò che ha inizio, ha fine. Mi pare di poter dire che Restless Matter , il pensiero e la modalità creativa e di lavoro che attraversa l’intero progetto e, al suo interno, ogni singolo video che ne fa parte, sia nata sotto il segno dell’impermanenza. Vorrei sapere se sei d’accordo con questa interpretazione.
Non è necessario spingersi sino in estremo oriente per scoprire come l’impermanenza sia la natura vera di tutte le cose. Già si attribuisce al filosofo greco Eraclito, per restare nel nostro bacino culturale, l’avvertimento: ‘tutto scorre’, “non potresti entrare due volte nello stesso fiume” e d’altronde la riflessione sull’evanescenza delle cose e sulla morte è alla base di molto pensiero e mistica occidentali. So poco di buddismo, m’interesso invece da tempo della filosofia che sta a fondamento dello yoga, in ogni caso non credo che nel lavoro artistico debba necessariamente esservi un concetto che precede e una realizzazione che segue, mi piace di più pensare che arte sia un ‘pensar facendo’, un ‘fare pensando’. Un giorno in campagna guardo una catasta di legna e vi ‘vedo’ qualcosa che non avevo mai visto prima: non so ancora bene di che si tratta ma, per dar forma a quella prima intuizione, comincio a smontarla. Smontare una cosa per capirne il funzionamento è un’attitudine infantile che non ho mai perduto. Decido poi di rimontarla, ma, invece che su base quadrata, con i legni prima in fila per un verso, poi per il verso contrario, come da sempre si costruiscono le cataste, mi lascio guidare dall’idea di ‘triangolo’: comincio quindi ad accatastare i legni su base triangolare, base molto più precaria, ma che si rivela, via via accatastando, sempre più affascinante proprio per quella sua precarietà. Impermanenza è un’opera che nasce così, poi s’andrà precisando un pò per volta nei mesi successivi. Intendo dire che questo, come quasi tutti i miei lavori, non nasce da un concetto astratto, ma da un improvviso ‘vedere’ qualcosa di mai visto prima. L’idea era già nella forma/catasta, quella forma è come se stesse solo aspettando di essere ‘vista’ e di essere tras/formata per poter manifestare un aspetto nascosto della sua natura più intima.
L’installazione realizzata per il museo Tornielli è fatta di tre architetture/torri realizzate con porzioni di rami, scortecciati e imbiancati. Chi guarda ha la sensazione di trovarsi davanti a qualcosa che, quasi per un miracolo della statica, o meglio in stupefacente contraddizione con essa, solo per un istante può stare in piedi: i pezzi di legno a terra dicono di un crollo precedente e di un inevitabile prossimo crollo. Cos’ancora hai voluto dire con questo lavoro?
Più che di una mia volontà di dire credo si tratti di una mia predisposizione all’ascolto, all’indagine, al portare alla luce ciò che si nasconde. Ogni forma, ogni materia custodisce un suo segreto. Interrogare una forma, tormentare un materiale, esasperare una tensione, portare una struttura al limite della sopportazione: questo faccio lavorando. Nel caso di Impermanenza è l’equilibrio che è portato al limite. Se c’è volontà di dire qualcosa, questo qualcosa è proprio in quel ‘essere al limite’. Al limite del crollo. Credo che l’intenzione non sia diversa da quella che spinge un funambolo a camminare su una corda tesa sul vuoto o – meno pericolosamente, ma non con diverso spirito – un bambino a fare un castello con le carte da gioco. La gratuità del gioco è cosa essenziale, significa la non sottomissione all’utile. Il gioco, come l’arte, è cosa seria proprio perché si sottrae all’utile. Il gioco non è utile, è indispensabile: sono due cose diverse. Qui la caduta, il crollo, la rovina sono indispensabili, altrimenti il gioco non potrebbe essere giocato. La caduta è insita, nonostante possa essere nascosta dalle apparenze, nell’equilibrio stesso, è il vero ‘rimosso’ del solido edificio che tutto vuol dimostrare, ma non la sua rovina. Esattamente il contrario di ciò che mostrano le torri di Impermanenza.
C’è in questo lavoro un qualche riferimento al mito della Torre di Babele?
Chissà? Lontana da me la pretesa di voler ‘toccare il cielo’ con una precaria catasta di legni, ma non posso d’altro canto essere responsabile delle interpretazioni altrui…
Le porzioni di rami scortecciati e imbiancati che costituiscono i materiali costruttivi delle tre torri ricordano in modo impressionante le ossa: ossa animali ormai levigate e ripulite dal tempo. Non ti nascondo che quando ho visto questo lavoro non ho potuto non pensare alle Cripte dei Capuccini, alle composizioni di ossa che tappezzano quelle cappelle, ma il tema, in verità, non mi pare qui quello del “memento mori” tipico della tradizione cattolica. Cosa ne pensi?
Penso che in Impermanenza il tema della morte non sia del tutto assente: lavorandovi, l’idea di ‘ossario’ ha in effetti preso progressivamente forma dando, in certo modo, consistenza ad antiche paure, a lontane fascinazioni. Quando ho cominciato ad avere tra le mani quei legni, il loro stato grezzo, i licheni che li ricoprivano, il loro stesso odore li avvertivo come elementi che, nonostante mi piacessero, tendevano a soverchiare qualcosa di essenziale di cui non ero ancora del tutto consapevole. Era come se quegli elementi necessitassero di un qualche processo di calcinazione: da qui il bianco che rivelerà con chiarezza la tendenza di quei legni a farsi sorta di ossa e, in secondo luogo, ad allontanarsi dal rischio di un certo ‘poverismo’ di maniera.[/read]

Impermanenza. Installazione ambientale, dimensioni variabili, Museo Tornielli, Ameno, 2014 [S0032]

Documentazione video dell’installazione al Museo Tonielli. 2’27”, 2005