2015 Related Video: Vibractions 1978-2012

×    

20
15

Vibractions
1978-2012

[Video]

Combining recent and archive footage, this video presents two different versions of Vibractions, installation/performance from 1978 presented in a new version in 2012 at Casa Anatta, Monte Verità,[read more=”Read More”less=”Read Less”]on the occasion of a solo show of the artist at the Museum of Modern Art in Ascona.
In Vibractions, installation/performance presented for the first time in Milan in February 1978, the visual and sound elements were closely connected within the conceptual framework of a reflection upon the categories of time and space. The paradoxical aim of Vibractions was to measure the architectural space by means of sound, or rather to find a sound equivalent of the architectural space. Site-specific and ongoing, Vibractions was presented in different locations through the years, reaching different results every time based on the peculiar features of each venue. Therefore, the video spans a period of time from 1978 to 2012, combining recent and archive footage in a way that conveys the passing of time while at the same time reaffirming the conceptual vitality of the work.[/read]

Related Video: Vibractions 1978-2012. 06’34”, 2015

2015 Mano Armonica Video

×    

20
15

Mano
Armonica

[Video]

Music score written on the hand fingers—executed for the first time in Milan in 1978 as part of the installation/performance Vibractions,[read more=”Read More”less=”Read Less”]versions of this work were presented through 2012 in different locations.
This video stems from a work from 1978 of the same title, composed of twentyfive photographs of the artist’s hand. The fingers, bent in different positions, are the support of a music score executed for the first time as part of Vibractions, a sound installation/performance from the same year, presented in different locations and versions through the following years most recently in 2012. In the video, the music score and the hand’s movement are once again closely interconnected: the movement of the fingers generates the score, which by turn becomes the animation’s sound track.[/read]

Mano Armonica, 03’09”, 2015 (teaser 0’50”)

Courtesy: Museo del Novecento – Milano

2016 Opera ultima video

×    

20
16

Opera
Ultima

[Video]

The video takes its cue from an installation of the same name by Ferruccio Ascari from 2012, composed of multiple elements: a series of terracotta urns,[read more=”Read More”less=”Read Less”]different in size and form, containing remains that are hard to identify.
Perhaps bones of beings with an unspecified and unspecifiable nature. The urns were then sealed by the artist. Their content thus became secret, invisible, but before completing this operation and making them definitively inaccessible inside, photographs were taken: partial images, details of what the urn contains. Starting with these images, the viewer begins an imaginative path: a flow of mental associations that is an integral, essential part of this mysterious work that seems to harbor an initiatic meaning. The video made starting with this work is also a voyage, in effect. A voyage of a visual nature inside unspecified cavities, in a hypothetical underground, a deep repository that stores the remains of everything, where each item is subject to an incessant process of transformation and germination.[/read]

Opera Ultima, 04’30”, 2016 (teaser 01’01’)

2015 Libro Muto Video

×    

20
15

Libro Muto
[Video]

There’s a story behind this video: the artist found some old history and geography books in Braille[read more=”Read More”less=”Read Less”]and some ships’ logs written on a daily basis by the office charged with fixing the position of the Vittoria, a freighter traveling in 1936 from Italy to India.
Years after this find, the artist used the pages of those books and notebooks to make a series of drawings and gouaches. As he puts it, “every sign made on that writing for the unsighted or on those astronomical calculations, besides violating the order of the discourse on those pages, was in turn decisively influence by it.” The book that contains them, conserving the original format and binding, is (the artist notes) “a sort of voyage in a voyage, with a stratification of languages, an accumulation of signs that generate unexpected contradictions and consonances.” Libro Muto, the video originating with this book, retraces the stages of this mental journey page after page, springing from the intersections of the various planes: the human plane suggested by a series of silhouettes of different yoga asanas that appear, printed over the pages of the book; the natural plane indicated by the silhouettes of plants, traced on the same pages, which in turn intercept the celestial plane through the excerpts from the notebooks of the ship’s log. A hypertext whose individual parts, secretly interrelated, point to a whole for which the book – significantly created for the blind – is a transparent metaphor.[/read]
/
Interview with Ferruccio Ascari[read more=”Read More”less=”Read Less”]
This video takes its cue from a book, and behind the book there is a curious story. Tell me about it.
Years ago I got my hands on a crate of old books that were supposed to be pulped. Among other things, it contained works on natural history and geography in Braille, and some logs carefully annotated by the official responsible for fixing the position of the Vittoria, a motor vessel en route from Italy to India in 1936. The crate remained closed in my studio for quite a while. One day I opened it and started to use the pages of those books and notebooks for a series of drawings and gouaches.
The book on which the video is based has no title, and the title of the video is “Silent Book.” What did you want to say?
The reference to the Mutus Liber, the book of Alchemy published in France in the second half of the 1600s, is not random, but explicit: this book of mine, like that one, is composed only of images and perhaps there are some other affinities, though not so explicit.
What prompted you to use the pages of a geography book for the unsighted and those of a ship’s log, notebooks of astronomical calculations, as the surface for the drawings and gouaches?
Certain processes, though they can be consciously triggered, then proceed in a way that is not fully predictable: every sign imprinted on that writing for the blind or those astronomical calculations, besides violating the order of the discourse on those pages, was in turn clearly influenced by it. The result is a sort of voyage in a voyage, a layering of languages, an accumulation of signs that generate unexpected contradictions and consonances… as the poet says, Al andar se hace el camino…
In a certain sense, every book is a voyage, a voyage in the imaginary, in the mind of the author in the case of literature, and in any case a voyage of knowledge in the case of essays or manuals. Your book is a sort of hypertext: overlaid on the pages printed in Braille or those of the ship’s log a series of human silhouettes appear in different yoga positions, along with botanical organisms with curious forms, groupings of cells in expansion, flocks of birds in flight. You have constructed a complex universe in continuous motion, where every single image links to another in a continuous game of non-explicit, secret connections. What route did you follow, or what type of voyage did you want to offer to those who look through the pages of your book or who watch the video “Libro Muto”?
The route taken by the Vittoria to India in 1936 intrigued me, as a mental voyage… over which the trips I made myself, in reality, were overlaid. For twenty years, every years I have gone to India to study Sāṃkhya and practice Yoga. The plants I drew on those pages were also partly real and partly imaginary, and the same goes for the other figures. I did not ask myself, in any case, what sort of voyage I could offer those who look through the pages, because I conceived of this book as a sort of personal diary.
Each of the images appearing in this book is also the origin of a series of your works, or more precisely true cycles of works: an approach that is typical of your whole artistic path. It is as if every image we find in the book contained the nucleus of an idea, a sort of germinal cell from which those cycles of works have emerged… Do you agree?
Most of my recent videos come from previous works: an environmental installation or a series of photographs, drawings, gouaches. The videos are like the continuation of an idea with other means: the camera is not aimed outward, towards so-called external reality, but inward, inside an earlier work; this gaze becomes the driver of another activation of the same idea the earlier work expressed. Certain force lines that manifested themselves in a certain way find another linguistic field, in the videos, to continue to express whatever it is that they still have to say. In other words: a part of those signs had no intention of remaining relegated to the secrecy of those pages.
What relationship exists between the flow of images in the videos and the soundtrack that accompanies them?
The soundtrack along which the video unfolds comes from another older work of mine. Over thirty years ago I recorded several pieces for a radio program (Fonosfera, RAI, Radio I) that made room for the research of artists working with sound. One of these pieces was Virage, which I used later in Libro Muto. I started with a piano score; I ripped it into many small pieces; each fragment was played in random order; the last phase of the work consisted in “beheading” the notes, erasing the impact of the hammers from the magnetic tape, conserving only the remaining vibrations of the strings. A work that was somehow “unfinished” and resonates, after many years, inside a new work: after all, I think all my works can be said to be “unfinished,” fragment of a whole, and who knows if it will ever find some kind of completion…
It seems possible to say that both the untitled book and the video Libro Muto are basically just two different aspects, almost two “masks,” of a single work in a continual state of metamorphosis, an ongoing game of reflections… I have thought that all this somehow has to do with alchemy. Am I wrong?
Who knows?[/read]

Libro Muto. 04’25”, 2015 (teaser 01’32”)

2016 Opera ultima video

×    

20
16

Opera
Ultima

[Video]

Il video prende la mosse da un’omonima installazione di Ferruccio Ascari del 2012 composta di più elementi: una serie di urne in terracotta,[read more=”Read More”less=”Read Less”]diverse per dimensione e forma, contenenti al loro interno resti di difficile identificazione.
Forse ossa di esseri di imprecisata e imprecisabile natura. Le urne sono state poi sigillate dall’artista. Il loro contenuto è divenuto così segreto, invisibile, ma prima di compiere questa operazione e di renderne definitivamente inaccessibile l’interno sono state scattate una serie di fotografie: sono immagini parziali, dettagli di ciò che l’urna contiene. A partire da esse, chi guarda inizia un percorso immaginativo: un flusso di associazioni mentali che è parte integrante, essenziale di questo lavoro misterioso che sembra custodire un significato iniziatico. Il video tratto da quest’opera è anch’esso in effetti un viaggio. Un viaggio di natura visiva dentro imprecisate cavità, dentro un ipotetico sottosuolo, un deposito profondo che custodisce i resti d’ogni cosa, dove ogni cosa è soggetta ad un’incessante opera di trasformazione e germinazione.[/read]

Opera Ultima, 04’30”, 2016 (teaser 01’01’)

2015 Related Video: Vibractions 1978-2012

×    

20
15

Vibractions
1978-2012

[Video]

Attraverso materiali recenti e d’archivio il video ripercorre due diverse versioni di Vibractions, installazione-performance del 1978 riproposta in una nuova versione nel 2012 a Casa Anatta, presso Monte Verità,[read more=”Read More”less=”Read Less”]in occasione di una personale dell’artista nel Museo d’Arte Moderna di Ascona.
Vibractions, installazione-performance presentata per la prima volta a Milano nel febbraio del ‘78, vedeva indissolubilmente congiunti elementi visivi e materiali sonori, in un percorso analitico che partiva da una riflessione sulle categorie di spazio e di tempo. Paradossale assunto di fondo era quello di ‘misurare’ lo spazio architettonico attraverso il suono o, meglio, di trovare un suo equivalente sul piano sonoro. Work in progress, site specific, Vibractions è stata nel tempo riproposta in luoghi diversi, con esiti ogni volta differenti in relazione alle specifiche caratteristiche dello spazio. Il video copre un arco temporale che va dal 1978 al 2012 attraverso materiali d’archivio e di recente produzione che restituiscono il clima del tempo, il suo trascorrere, ma anche la vitalità dell’assunto di fondo di un’opera capace ogni volta si rigenerarsi in relazione al luogo che la ospita.[/read]

Video correlato: Vibractions 1978-2012. 06’34”, 2015

2015 Mano Armonica Video

×    

20
15

Mano
Armonica

[Video]

Partitura musicale scritta sulle dita delle mani, eseguita per la prima volta a Milano nel 1978 nell’ambito della installazione/performance Vibractions.[read more=”Read More”less=”Read Less”]L’opera è stata più volte ripresa dall’artista fino al 2012 in diversi luoghi e con diverse varianti.
Il video prende le mosse da un’opera omonima del 1978 costituita da venticinque scatti fotografici della mano dell’artista. Le dita, piegate in diverse posture, sono supporto di una scrittura musicale eseguita per la prima volta nell’ambito di Vibractions, installazione sonora-performance del medesimo anno, successivamente riproposta con diverse varianti e in diversi spazi. L’ultima versione è del 2012. In questo video la traccia sonora e il movimento delle mani sono ancora un volta strettamente correlati: il movimento delle dita genera la partitura e la partitura diviene traccia sonora dell’animazione dei venticinque scatti fotografici.[/read]

Mano Armonica, 03’09”, 2015 (teaser 0’50”)

Courtesy: Museo del Novecento – Milano

2015 Libro Muto Video

×    

20
15

Libro Muto
[Video]

Dietro questo video c’è una storia: il ritrovamento da parte dell’autore di alcuni vecchi libri di storia e geografia in Braille[read more=”Read More”less=”Read Less”]e di alcuni diari di bordo redatti quotidianamente dall’ufficiale incaricato di fare il ‘punto nave’ sul ‘Vittoria’, bastimento in viaggio, nel 1936, dall’Italia all’India.
Anni dopo il ritrovamento i fogli di quei libri e di quei quaderni sono stati usati dall’artista per una serie di disegni e di guazzi. Come lui stesso afferma “ogni segno che veniva impresso sulla quella scrittura per ciechi o sui quei calcoli astronomici oltre a violare l’ordine del discorso di quei fogli, ne era a sua volta decisamente influenzato”. Il libro che li contiene, di cui sono stati mantenuti formato e rilegatura originari è, per usare le sue stesse parole, “una specie di viaggio nel viaggio, [ presenta ] una stratificazione di linguaggi, un accumulo di segni generatori di contraddizioni e consonanze impreviste”. Libro Muto, il video che da questo libro prende origine, ripercorre pagina dopo pagina le tappe di questo viaggio mentale che nasce dall’intreccio di diversi piani: quello umano evocato da una serie di silhouette in diverse posture yogiche che compaiono in sovrimpressione sulle pagine del libro; quello naturale nominato tramite le sagome di vegetali che, tracciate su quelle stesse pagine, a loro volta intercettano il piano celeste attraverso gli stralci dei quaderni di calcolo del diario di navigazione. Un ipertesto le cui singole parti, in segreta relazione tra di loro, rimandano ad un tutto di cui il libro, significativamente destinato ai ciechi, è trasparente metafora.[/read]
/
Intervista a Ferruccio Ascari[read more=”Read More”less=”Read Less”]
Questo video prende le mosse da un libro e dietro il libro c’è una storia singolare. Me la puoi raccontare?
Diversi anni fa venni in possesso di una cassa di vecchi libri destinati al macero, conteneva tra l’altro dei testi di storia naturale e geografia in Braille e alcuni diari di bordo puntigliosamente redatti dall’ufficiale faceva quotidianamente il ‘punto nave’ sul ‘Vittoria’, motonave in viaggio nel 1936 dall’Italia all’India. La cassa restò comunque chiusa nel mio studio per diverso tempo. Un giorno l’aprii e cominciai ad usare i fogli di quei libri e di quei quaderni per una serie di disegni e di guazzi.
Il libro da cui il video è tratto non ha titolo e il titolo del video è “Libro Muto” Cosa hai voluto dire?
Il riferimento al Mutus Liber, il libro di Alchimia pubblicato in Francia nella seconda metà del 1600, non è casuale, è anzi esplicita: anche questo mio libro, come quello, è fatto di sole immagini e può darsi vi sia, pur se non così esplicita, qualche consonanza.
Cosa ti ha spinto a usare i fogli di un libro di geografia per ciechi e le pagine del diario di bordo di una nave, ossia dei quaderni di calcoli astronomici, come supporto per dei disegni e dei guazzi?
Alcuni processi, per quanto possano essere innescati consapevolmente, procedono poi in modo non del tutto prevedibile: ogni segno che veniva impresso sulla quella scrittura per ciechi o sui quei calcoli astronomici, oltre a violare l’ordine del discorso di quei fogli, ne era a sua volta decisamente influenzato. Ne veniva fuori una specie di viaggio nel viaggio, una stratificazione di linguaggi, un accumulo di segni generatori di contraddizioni e di consonanze impreviste… Come dice il poeta, Al andar se hace el camino…
Ogni libro è in un certo modo un viaggio, un viaggio nell’immaginario, nella mente dell’autore se si tratta di letteratura, comunque un viaggio di conoscenza se si tratta di saggi o più semplicemente di manuali. Il tuo libro è una sorta di ipertesto: in sovrimpressione sulle pagine stampate in braille o su quelle del diario di bordo compaiono una serie di silhouette umane in diverse posture yogiche, così come organismi vegetali dalle forme curiose, aggregazioni di cellule in espansione e anche stormi di uccelli in volo. Quello che sei andato costruendo è un universo complesso, in continuo movimento, dove ogni singola immagine rinvia ad un’altra in un gioco continuo di rimandi non espliciti, segreti. Qual è la rotta che hai seguito, o meglio che tipo di viaggio hai voluto far compiere a chi sfoglia le pagine del tuo libro o a chi guarda il video “Libro Muto“?
La rotta tracciata dal “Vittoria” in navigazione verso l’India nel ’36 è stata per me una grande suggestione, un viaggio mentale… cui però si sovrapponevano viaggi che intanto facevo realmente. Per vent’anni, ogni anno mi sono infatti recato in India per studiare il Sāṃkhya e praticare Yoga. Anche le piante che disegnavo su quelle pagine erano in parte reali e in parte immaginarie, lo stesso si può dire di altre figure. Non mi sono posto ad ogni modo la questione di che sorta viaggio potesse fare chi avesse sfogliato quelle pagine perché questo libro l’avevo concepito come una specie di diario personale.
Ciascuna delle immagini che compaiono in questo libro è anche all’origine di una serie di tuoi lavori o, meglio, di veri e propri cicli di opere: una modalità peraltro tipica del tuo percorso artistico. E’ come se ciascuna delle immagini che troviamo nel Libro contenesse un nucleo ideativo, fosse una specie di cellula germinale da cui quei cicli di opere sono scaturite…Sei d’accordo?
La maggior parte di questi miei ultimi video prendono le mosse da una precedente opera: un’installazione ambientale oppure una serie di foto, di disegni, di guazzi. I video sono come la continuazione di un’idea con altri mezzi: la camera è rivolta non già fuori, verso la così detta realtà esterna, ma guarda all’interno di un lavoro precedente; un tale sguardo fa da propulsore per un’ulteriore messa in moto della stessa idea di cui era espressione. Alcune linee di forza che avevano trovato modo di manifestarsi in un certo modo trovano qui, nei video, un altro campo linguistico attraverso il quale continuare a esprimere ciò che eventualmente hanno ancora da dire. Detta in altri termini: una parte di quei segni non intendeva rimanere relegata nel segreto di quei fogli.
Che relazione esiste tra il flusso di immagini che scorrono nel video e la traccia sonora che lo accompagna?
La traccia sonora lungo la quale il video si snoda deriva da un altro mio vecchio lavoro. Più di trent’anni fa registrai per una trasmissione della Rai (Fonosfera, RAI, Radio I) che dava spazio alla ricerca di artisti che lavoravano col suono, alcuni brani. Tra questi brani vi era Virage che poi avrei usato in Libro Muto. Partii dal foglio di una partitura per piano; la strappai in tanti piccoli frammenti; ciascun frammento venne eseguito in un ordine casuale; l’ultima fase del lavoro consistette nel ‘decapitare’ le note cancellando dal nastro magnetico i colpi del martelletto, conservandone solo le vibrazioni. Un lavoro, in qualche modo ‘incompiuto’, che risuona, dopo tanti anni, all’interno di un nuovo lavoro: del resto credo che tutti i miei lavori possano dirsi ’incompiuti’, frammenti di un tutto chissà se destinato mai a trovare una qualche sorta di compimento …
Mi pare di poter dire che sia il libro privo di titolo che ‘Libro Muto’, il video, siano in fondo solo due diversi aspetti, quasi due ‘maschere’, di un’unica opera in continua metamorfosi, in un continuo gioco di riflessi… Ho pensato che in qualche modo tutto ciò abbia a che fare con l’alchimia. Mi sbaglio?
Chi può dirlo?[/read]

Libro Muto. 04’25”, 2015 (teaser 01’32”)