2017 Luogo Presunto

×    

20
17

Luogo
Presunto

The exhibition “Silenzio” (Silence) started with this installation consisting in a series of spindly iron-rod structures and located at the center of the opencast space of the cloister of the Basilica of San Simpliciano. This exhibition has been conceived by the artist as a path twisting in the center of Milan and comprehending two other places of spirituality, that is the rectory church of San Raffaele and the chapel of San Bernardino alle Ossa.[read more=”Read More”less=”Read Less”]The elements of the installation, wiry and fragile architectures, were placed in the space with no apparent order, simply seeming to respond to a desire to spread out: “Archetypical buildings that could almost fly away from one moment to the next. A house between land and sky, a suspended shelter that avoids contact, perhaps protecting us even more than a sturdy construction standing solidly on the ground”, as the artist described his work. The title, “Luogo presunto” (Suspected Place), a quote from Borges, in fact refers to an imaginary place whose existence is uncertain, a place with the same texture as a mirage or a dream.[/read]

Luogo presunto. Environmental installation, iron, variable dimensions, 2017

2017 Silenzio, Amen, Logos

×    

20
17

Silenzio
Amen
Logos

Silenzio, Amen and Logos are the three works placed in the central nave of the rectory church of San Raffaele, in Milan, in the context of the personal exhibit “Silenzio” (1) of Ferruccio Ascari articulated simultaneously in other locations in town, which are extraordinary in terms of historical and artistic value : the small cloister of the Basilica of San Simpliciano, where the installation Luogo Presuntowas located, and San Bernardino alle Ossa, with Ex Voto I, II, III e Rumore.[read more=”Read More”less=”Read Less]Silenzio (Silence) – a large linen sheet hung at the start of the nave, bearing this word embroidered in gold in its center – was the first work that you encountered when entering the church of San Raffaele. Speaking of this work, Ferruccio Ascari stated: “More than the title of the work, Silenzio is the work. The title and the work are one. Silence says what it means, but not in a tautological way. My intention was to amplify the warning, making it resound inside the spectator, as I mentioned earlier. I liked the idea of the writing being small and at the center of a large neutral field where it could reverberate…”.
/

On high, suspended above the steps leading up to the altar, was collocated the work Amen, a tryptic whose entire surface was covered by the word “amen” in its original language, that is Hebrew. This decision to work with the word, with the written word rather than the image, alludes to the “unrepresentable” nature of the divine. The technique of the fresco mounted on canvas that characterizes Ascari’s painted is combined with a golden background: a clear throwback to Italian art of the thirteenth century, but also to Byzantine icons and their theological as well as artistic significance. As we will see in Mantra, the artist’s formal choices are in themselves a declaration of intent: the drastic reduction of figural elements, the golden background, transform this work into an object of meditation, in a contemporaneous way, with an implicit reference to – by way of Malevich’s Black Square – the icon, to its theological meaning other than artistic, to its being a “presence” and not only a simple representation.

/

Logos
, a wooden egg covered with golden leaves, has been placed by the artist inside the ciborium, above the altar, in the holiest of places in the church. This work represented the final point of a vanishing point that started with Silenzio and continued with Amen: an ascensional path not only in visual terms, but also in a more intimate sense of whom these works represent the stages. With regard to this work, the artist stated: “I usually start to think of a title when I’ve finished a work, but in this case the word came first, and it’s a word that comes from a memory: ‘In the beginning was the Word (Logos), and the Word was with God, and the Word was God…’ (John,1:1-5). John continues: ‘All things were made through him, and without him was not anything made that was made. In Him was life, and the life was the light of men…’. The idea of the golden egg came to me first and foremost from those words. I thought of the egg as a symbol of the most important Christian holy occasion, the Resurrection. But not only in those terms. The egg came to me, of course, as a ‘rebirth’, but before that, I thought of it as a ‘birth’, the birth of everything, as a cosmogonic egg”.

/

(1) With regard to this exhibition, in an interview given in that occasion Ferruccio Ascari declared: “The relationship between the work and the space in which it is placed has always been a central element of my work, and this since the first environmental installations that I realized from the mid ’70s onwards: in many of these works the location represents a fundamental aspect of the work. All the more in this case. Here we are not dealing with simple exhibition spaces, but with places that for me represent the occasion for a special interior path other than esthetical. For the visitor this path should transform in an experience… The title (of the exhibition, editor’s note), Silence, implies a particular condition, a ‘being ready to listen’. Without silence, things cannot speak to our hearts; they cannot reveal their hidden significance. I began systematically practicing silence in India where I went to study for several years. The practice is known as ‘mauna’ in India, and it is an important element in self-awareness paths. And silence is a practice 
found in all great traditions…”.[/read]

Silenzio. Linen sheet and gold, approx. 140×140 cm, 2017 [Church of San Raffaele, Milano]
Amen. Fresco transferred to canvas, 90×40 cm, 2017 [Church of San Raffaele, Milano]
Logos. Wooden egg covered with golden leaves, approx. 10x10x20 cm, 2017 [Church of San Raffaele, Milano]

1999 Abbadia Ardenga – Akasha

×    

19
99

Abbadia Ardenga
Akasha

(english version coming soon)

Akasha è l’Elemento Etere. Di natura composita, la qualità che lo caratterizza è la pervasività. Il suo colore è l’insieme di tutti i colori. Il cerchio la forma che gli attiene.[read more=”Read More”less=”Read Less”]Suo chakra è Vishuddi localizzabile in corrispondenza del plesso cervicale. Il suo mantra è HAM. L’udito il senso da quest’Elemento governato. Quello delle emozioni è l’ambito cui esso sovrintende. Presiede inoltre al funzionamento delle corde vocali e delle orecchie. L’area che va dal centro fra le sopracciglie all’apice della calotta cranica è quella sulla quale è orientata l’attenzione del praticante durante Tattwashuddhi. Prajna – conoscenza metafisica – è facoltà da Akasha governata. Anandamayakosha è il suo ‘corpo’ – coro di beatitudine e di coscienza sovramentale -. Vyana è il suo soffio vitale, corrente pranica la cui energia pervade l’intero essere. Esso non sottostà ad alcuna direzione indicata dalla Rosa dei Venti.
Tattwa è anche un cammino, un percorso: ogni opera individua una tappa all’interno di esso.[/read]

In Toscana, nell’ambito di un seminario di “arte e yoga”, insieme con i miei allievi ho ripreso i Tattwa in forma installativa; qui, la pratica artistica faceva parte della pratica yogica e rappresentava all’interno della giornata il momento dedicato alla meditazione.

1999 Abbadia Ardenga – Agni

×    

19
99

Abbadia Ardenga
Agni

(english version coming soon)

Agni è l’Elemento Fuoco. Calore ed espansione caratterizzano la sua natura. Suo colore è il rosso. Il triangolo la forma che gli attiene.[read more=”Read More”less=”Read Less”]Manipura è il suo chakra, localizzabile in corrispondenza dell’ombelico. Il suo mantra è RAM. Il senso governato da quest’Elemento è la vista. La fame, la sete, il sonno sono funzioni corporali presiedute da Agni che governa anche i piedi e gli occhi. L’area che va dall’ombelico al cuore è quella sulla quale si dirige l’attenzione del praticante in Tattwashuddhi. Manasa – la mente, il ‘senso interno’ – è la sfera retta da Agni. Il suo ‘corpo’ è Manomayakosha – corpo mentale. Samana è il suo soffio vitale, la corrente pranica circolante nella parte centrale del corpo che facilita processi di assimilazione. Swar Loka, il cielo, il suo dominio. Il Sud il suo punto cardinale.
Tattwa è anche un cammino, un percorso: ogni opera individua una tappa all’interno di esso.[/read]

In Toscana, nell’ambito di un seminario di “arte e yoga”, insieme con i miei allievi ho ripreso i Tattwa in forma installativa; qui, la pratica artistica faceva parte della pratica yogica e rappresentava all’interno della giornata il momento dedicato alla meditazione.

1999 Abbadia Ardenga – Apas

×    

19
99

Abbadia Ardenga
Apas

(english version coming soon)

Apas è l’Elemento Acqua. Di natura fredda, qualità sua propria è la fluidità. Bianco il suo colore.Quella della luna crescente la forma che gli attiene.[read more=”Read More”less=”Read Less”]Swadhisthana il suo chakra – localizzabile in corrispondenza degli organi genitali -. Il suo mantra è VAM. Il senso governato da quest’Elemento è il gusto. Apas presiede allo scorrere nel corpo di tutti i fluidi, al funzionamento degli organi riproduttori, all’attività della lingua. L’area che va dalle ginocchia all’ombelico è quella sulla quale si orienta l’attenzione del praticante durante Tattwashuddhi. Apas governa la sfera dell’intelletto, della capacità di discriminare – buddhi -. Pranamayakosha è il suo ‘corpo’ – corpo d’energia -. Prana Vayu è il suo soffio vitale, la corrente pranica ascendente che opera nella regione toracica. Bhuvar Loka – piano intermedio tra la terra e il cielo – il suo dominio. L’Ovest il suo punto cardinale.
Tattwa è anche un cammino, un percorso: ogni opera individua una tappa all’interno di esso.[/read]

In Toscana, nell’ambito di un seminario di “arte e yoga”, insieme con i miei allievi ho ripreso i Tattwa in forma installativa; qui, la pratica artistica faceva parte della pratica yogica e rappresentava all’interno della giornata il momento dedicato alla meditazione.

1999 Abbadia Ardenga – Prithvi

×    

19
99

Abbadia Ardenga
Prithvi

(english version coming soon)

Prithvi è l’elemento Terra. Sue qualità sono la pesantezza e al forza di coesione. Giallo il suo colore. Il quadrato la forma che gli attiene.[read more=”Read More”less=”Read Less”]Il chakra corrispondente a questo elemento è Muladhara, localizzabile nel corpo maschile nel perineo, in quello femminile nella cervice. I suo mantra è LAM. L’odorato è il senso da esso governato. Pelle, naso, vasi sanguigni, ossa, ano sono in relazione con Prithvi. La parte inferiore del corpo, dalle dita dei piedi sino alle ginocchia, è quella su cui è rivolta l’attenzione del praticante durante Tattwashuddhi. Prithvi sovrintende alla alla sfera dell’ego, alla coscienza di sé. Annamayakosha – corpo fisico – è il suo corpo. Apana è il suo soffio vitale – corrente pranica operante nella regione addominale – che presiede alle funzioni riproduttive ed escretorie. Bhu Loka – piano della terrestrità – è il suo dominio. L’Est il suo punto cardinanle.
Tattwa è anche un cammino, un percorso: ogni opera individua una tappa all’interno di esso.[/read]

In Toscana, nell’ambito di un seminario di “arte e yoga”, insieme con i miei allievi ho ripreso i Tattwa in forma installativa; qui, la pratica artistica faceva parte della pratica yogica e rappresentava all’interno della giornata il momento dedicato alla meditazione.

2015 Luogo Presunto

×    

20
15

Luogo
Presunto I

Luogo Presunto. Iron and gauze, variable dimensions, 2015 [S0033]