2014 restlessmatter.net

×    

20
14

Restlessmatter.net

restlessmatter.net is an online art project by Ferruccio Ascari. Installations and sculptures from different periods of the artist’s production become the starting points of a series of video works, progressively published on this website. As in much of his work, here the artist proceeds with variations, tackling ever present questions through ever changing languages.

2015 Luogo Presunto Video

×    

20
15

Luogo
Presunto

[Video]

This video takes its cue, as in other cases, from an installation of the same name: a set of fragile, threadlike works of architecture arranged without apparent order in space,[read more=”Read More”less=”Read Less”]which seem to respond to a pure impulse of expansion. These are pile dwellings, as the artist calls them, of uncertain stability, a precarious relationship with the ground. Archetypes of buildings that from one moment to the next might take flight. The gauze that covers some of them might suggest the idea of illness, but also of shelter, the necessary protection of something that is fragile and precarious..[/read]
/
Elena Scardanelli interviews Ferruccio Ascari[read more=”Read More”less=”Read Less”]
This video takes its cue, as in other cases, from an installation of the same name: a set of fragile, threadlike works of architecture arranged without apparent order in space, which seem to respond to a pure impulse of expansion. Elementary edifices of uncertain stability that have a precarious relationship with the ground. Archetypes of buildings that from one moment to the next might take flight. Let’s start with the title: Luogo Presunto. Therefore an imaginary place, whose existence is not assured, with the same consistency as a mirage, a dream. In this work of yours I seem to sense a reference, starting with the title, to Borges and his poetics, especially an anthology of poems published in Italy under the title Carme Presunto. Does this intuition have any basis?
Yes, you’re right… I’ve been rereading Borges, precisely in the last few days. I was struck by what he writes about poetry, in one of his texts. I can read it for you: “all poetry is mysterious; no one knows about everything it is given him to write. The dreary mythology of our age speaks of the ‘subliminal self’ or, what is even less beautiful, of the ‘subconscious’; the Greeks invoked the Muse, the Hebrews the Holy Spirit – it amounts to the same thing.” I think this statement of Borges can be extended to art as well, or at least to how I understand the impulse that lies at the origin of the artistic act. For me, it is something mysterious, a sort of calling; you don’t know where it comes from, you feel obliged to respond to it, as if you couldn’t do otherwise.
Borges’ poetics stems from visions, memories, portents that have the charm of purely imaginary situations, disconcerting mirages: in an infinite perspective, a range of sensations and images that seem to belong more to the material of which dreams are made than to reality. It is the same material of which this work of yours seems to be made, both the installation and the video you have made of it. Could you talk about this?
There are images, arriving from who knows what distances, that take up residence in my head and remain there, as if incubating, perhaps for years. Usually I let them be, I avoid “touching” them, since I know they need time. Then one day the hands, gripped by a sudden urgency, start to move as if of their own accord, with unusual confidence… then those mental images, with a speed that surprises even me, take on form. A sort of utterly mental fixation I haven’t driven away, but haven’t particularly nurtured either, suddenly takes form. I start to hammer the metal wire close at hand on the anvil, I make four vaguely straight bars, rustically welding them together, and they take on the form that perhaps awaited them: a palafitte. Faced with the first of these pile dwellings, which would then become part of Luogo Presunto, it was like being in front of a sudden yet familiar presence. A slender, hesitant presence: you touch it and it wobbles. It continues to tremble, taking a while to settle into stillness. I think: I want to film this. Even when it is still, it continues to speak of all its instability.
Why the palafitte?
Maybe precisely for this presumed instability, its apparent precariousness, this kind of prehistoric architecture has fascinated me since childhood. A house between earth and sky. A suspended shelter, to avoid contact, to protect perhaps more than a solid construction with a foundation, well rooted in the earth.
The materials of Luogo Presunto are iron and cotton gauze: what relationship develops between two materials of such a different nature?
Gauze is the wound, the burn to care for, to protect. Gauze is illness, protection, the hospital… but it is also transparency, levity, the caress.
You told me that as a child you fell into a large vessel full of boiling water, and the serious burns all over your body made you linger between life and death for several days… it isn’t hard to imagine that it was precisely gauze that protected your bed during convalescence, your body as it struggled to stay alive.
I don’t know to what extent that episode can be seen in relation to the materials I used in Luogo Presunto… I can’t rule out the connection. In any case, when I began to work on this project, those slender works of architecture were like wobbly skeletons, made of wire and air… the gauze came later, by intuition, as if it came down from the sky to give a body to those skeletons, without adding weight, or an opacity they could not have stood.
So it is not by chance that in the video the gauze rains down precisely from the sky onto those structures…
I’m afraid that what we call “chance” is simply what we don’t understand, or whose origin we have forgotten.[/read]

Luogo Presunto. 01’43”, 2015 (teaser 0’29”)

Luogo Presunto, Backstage, 02’00”, 2015
Through a series of sequences edited at a fast pace, marked by a metronome, the film documents the phases of the making of Luogo Presunto, revealing its constituent elements.

2015 Luogo Presunto

×    

20
15

Luogo
Presunto I

Luogo Presunto. Iron and gauze, variable dimensions, 2015 [S0033]

2015 Luogo Presunto Video

×    

20
15

Luogo
Presunto

[Video]

Il video prende spunto, come già negli altri casi, da un’installazione omonima: un insieme di architetture fragili, filiformi si dispongono senza un ordine apparente nello spazio[read more=”Read More”less=”Read Less”]e sembrano rispondere ad un puro impulso di espansione. Si tratta di palafitte, come le definisce l’autore, dalla stabilità incerta che hanno un rapporto precario con il suolo. Archetipi di edifici che da un momento all’altro potrebbero prendere il volo. La garza che ricopre alcuni di essi può suggerire l’idea della malattia, ma anche del riparo, della protezione necessaria nei confronti di qualcosa di fragile e precario.[/read]
/
Elena Scardanelli intervista Ferruccio Ascari[read more=”Read More”less=”Read Less”]

Questo video prende spunto, come già negli altri casi da un’istallazione omonima: un insieme di architetture fragili, filiformi che si dispongono senza un ordine apparente nello spazio e sembrano rispondere ad un puro impulso di espansione. Edifici elementari, di incerta stabilità che hanno un rapporto precario con il suolo. Archetipi di edifici che da un momento all’altro potrebbero prendere il volo. Cominciamo dal titolo: ‘Luogo Presunto’. Dunque un luogo immaginario, di cui non è certa l’esistenza, che ha la stessa consistenza di un miraggio, di un sogno. Mi sembra di avvertire in questa tua opera, a partire dal titolo stesso, un rimando a Borges alla sua poetica e in particolare ad una raccolta di poesie edita in Italia con il titolo Carme Presunto. E’ un intuizione fondata?
Si, hai ragione…Proprio in questi giorni sto rileggendo alcune cose di Borges. Sono rimasto colpito da ciò che in un suo scritto afferma a proposito della poesia. Te lo posso leggere: “Ogni poesia è misteriosa; nessuno sa interamente ciò che gli è stato concesso di scrivere. La triste mitologia del nostro tempo parla della subcoscienza ovvero, ciò che è anche meno piacevole, del subconscio; i greci invocavano la musa, gli ebrei lo Spirito Santo; il senso è lo stesso” Mi pare che questa affermazione di Borges possa essere estesa anche all’arte, o perlomeno a come io concepisco l’impulso che sta all’origine dell’atto artistico. Si tratta anche per me di qualcosa di misterioso, di una specie di chiamata che non si sa da dove viene cui ci si sente obbligati a rispondere, come se non si potesse fare altrimenti…
La poetica di Borges prende avvio da visioni, ricordi, presagi che hanno il fascino di situazioni puramente immaginarie, di miraggi che sconcertano: in una prospettiva infinita, in una gamma di sensazioni e di immagini che sembrano appartenere più alla materia di cui sono fatti i sogni che alla realtà. E’ la stessa materia di cui sembra essere fatta anche questa tua opera, sia l’installazione che il video che ne hai tratto. Me ne puoi parlare?
Ci sono immagini, provenienti da chissà quali lontananze, che mi s’installano in testa e vi restano, come in incubazione, magari per anni. Di solito le lascio stare, evito di ’toccarle’, tanto lo so che hanno bisogno di tempo. Arriva un certo giorno in cui le mani, prese da improvvisa urgenza, cominciano a muoversi come per volontà propria, con sicurezza inusuale… ecco allora che quelle immagini mentali, con una rapidità che sorprende me stesso, assumono forma. Una sorta di fissazione tutta mentale, che non ho scacciato, ma neanche particolarmente alimentato, d’improvviso prende corpo. Comincio a battere sull’incudine del filo di ferro che ho a tiro, ne faccio quattro verghe vagamente diritte, le saldo rusticamente assieme e le verghe prendono la forma che forse le aspettava: palafitta. Di fronte alla prima delle palafitte, che poi andranno a costituire Luogo Presunto, mi sono trovato così, come di fronte ad una presenza improvvisa e comunque ben nota. Una presenza esile, tentennante: la tocchi e vacilla. Continua a tremare, ci mette un bel pò a tornar ferma. Penso: questo lo voglio filmare. Anche quando è ferma continua comunque a dire tutta la sua instabilità.
Perché la palafitta?
Forse proprio per via di questa sua presunta instabilità, per via della sua apparente precarietà questa preistorica architettura mi ha affascinato fin da bambino. Casa tra terra e cielo. Rifugio sospeso, ad evitare il contatto, a proteggere forse più della costruzione solida, fondata, ben piantata in terra.
I materiali di Luogo Presunto sono il ferro e la garza di cotone: quale relazione stabiliscono tra loro materiali con nature così distanti?
La garza è ferita, scottatura da curare, proteggere. La garza è malattia, protezione, ospedale… ma è anche trasparenza, levità, carezza.
Mi hai raccontato che da bambino sei caduto in un grande recipiente colmo di acqua bollente e che le gravissime scottature riportate su tutto il corpo ti hanno fatto stare tra la vita e la morte per diversi giorni… non è difficile supporre che fosse proprio la garza a proteggere il lettino della tua degenza e il tuo corpo di bambino moribondo.
Non so quanto quell’episodio possa esser messo in relazione con i materiali che ho usato in Luogo Presunto… non posso escludere che tale relazione possa esservi. Ad ogni modo quando ho cominciato a lavorarci, quelle esili architetture si presentavano come scheletri traballanti, fatte di fil di ferro e di aria… la garza è arrivata dopo, per intuizione, come scesa dal cielo a dar corpo a quegli scheletri, senza aggiungervi un peso, un’opacità che non avrebbero sopportato.
Non è quindi un caso che nel video la garza piova proprio dal cielo sulle quelle strutture…
Temo che ciò che chiamiamo ‘caso’ altro non sia se non ciò che non comprendiamo o di cui abbaiamo scordato l’origine.[/read]

Luogo Presunto. 01’43”, 2015 (teaser 0’29”)

Luogo Presunto, Backstage, 02’00”, 2015
Il filmato documenta attraverso una serie di sequenze montate con ritmo accelerato scandito da un metronomo le fasi di lavorazione di Luogo Presunto rivelandone gli elementi costitutivi.

2015 Luogo Presunto

×    

20
15

Luogo
Presunto I

Luogo Presunto. Ferro e garza, dimensioni variabili, 2015 [S0033]

2014 restlessmatter.net

×    

20
14

Restlessmatter.net

restlessmatter.net è un progetto speciale appositamente concepito da Ferruccio Ascari per il web. Una serie di installazioni e sculture appartenenti a periodi diversi della sua produzione artistica divengono, in questo progetto, punto di partenza per un ciclo di video d’artista che verranno progressivamente pubblicati su questo sito. Secondo una modalità tipica di tutto il suo lavoro egli procede per variazioni: attraversando linguaggi sempre diversi ogni nuova opera è quindi lo sviluppo di questioni già presenti in quelle precedenti.