2014 restlessmatter.net

×    

20
14

Restlessmatter.net

restlessmatter.net is an online art project by Ferruccio Ascari. Installations and sculptures from different periods of the artist’s production become the starting points of a series of video works, progressively published on this website. As in much of his work, here the artist proceeds with variations, tackling ever present questions through ever changing languages.

2015 Memoriale Volubile Video

×    

20
15

Memoriale
Volubile

[Video]

Memoriale Volubile , the 1st chapter of Restless Matter, takes its cue from an installation made by Ferruccio Ascari, in its first version in 2009 at Darmstadt, for a solo show at Museum Schloss Lichtenberg.[read more=”Read More”less=”Read Less”]The work, in keeping with the characteristic process of the artist, was later developed in a series of variations in relation to the various places where it was shown. Its constituent parts, as happens in this video, are subject to continuous transmutation: they are light, disturbing object/sculptures in which relationships are established, without reconciliation, between transparency and opacity, beauty and ruin; forms that conserve a link to the organic world but also seem to belong to some alien realm. The title – Memoriale Volubile (Fickle Memorial) – sheds light on the work’s genesis: the horror of the series of environmental disasters that have marked our time and the desire to keep their memory alive by combatting forgetfulness, inurement to disaster. The title, as the artist explains, is a “combination of two words with opposing meanings: ‘memorial’ which pertains to recollection or the prompting of memory, and ‘fickle’ which instead points to distraction, forgetfulness […] A formula that wavers between an impossible marriage of opposites and their inextricable conflict.” The soundtrack, an important part of this stop motion video, is taken from Vibractions, a sound installation by Ferruccio Ascari from 1978.[/read]
/
Interview with Ferruccio Ascari, February 2009[read more=”Read More”less=”Read Less”]
Memoriale Volubile: what does it mean?
It is a contradictory expression, the combination of two words with opposing meanings: “memorial” which pertains to recollection or the prompting of memory, and “fickle” which instead points to distraction, forgetfulness. An expression invented by joining two words with contrasting meanings, wavering between an impossible “marriage of opposites” and their inextricable conflict
In this exhibition we find Memoriale Volubile imprinted on the cover of several white books placed in vitrines, and on cardboard boxes that support metal screen sculptures: so this is a title that repeats, differentiated only by its accompanying serial number. Could you explain the type of seriality indicated here?
Title and image, name and thing are inseparable here. The expression Memoriale Volubile explains – in its irreconcilable ambiguity – the image, the thing, just as the latter explain the expression. This crossed relationship unfolds in the repetition, the serial effect: the seriality evoked by “word and thing” is a tragic series, before everyone’s eyes. It is the infinite series of environmental disasters, for which we have lost track of the quantity, but of which we cannot lose the memory. Precisely the wavering between memory and its erasure is the contradiction that Memoriale Volubile, in its own way, wants to indicate.
Books in vitrines, sealed, that cannot be read…
…books of horror, illegible books, memorials whose covers bear only the image of a place, its name – Chernobyl, for example – and the date of the disaster. Nothing more. I believe this suffices to evoke a horror that is intolerable for any conscience.
Light and at the same time disturbing sculptures. Symmetrical objects, but with an unstable, off-balance symmetry, as if teetering on the brink of an abyss. As if they were in danger, or dangerous. Things in which a relationship is established, without reconciliation, between transparency and opacity, beauty and ruin. What prompted you to invent such forms?
It was sudden, as if on the spot I felt the need to depart, to go on a journey. To leave what I was doing. To go away: a mental voyage, a terrible voyage. I began to search online for those places of memory, places of horror: Vajont, Seveso, Bhopal, Mururoa… an interminable, bewildering journey. And a very concrete one. Nothing virtual about it. One day I began to download images of those places, from the sites I was visiting. More and more photographs of those disasters. They accumulated. A compulsive gesture, as if dictated by the fear that the number of those images would be infinite, and by the desperate desire for it to have an end…
…are those the images that appear on the frontispiece of the white books placed in the cases… and the sculptures?
I felt like the inurement to disaster was unbearable, that danger that those places could be forgotten. Those places, the name of each of them, should be repeated out loud, every day… And yet the voice, speech, is not enough. At least for me, someone who plays with form…
…you play?
Do you know of anything more serious than play?
Agreed. But let’s get back to those forms, their restlessness, their genesis…
…a form, prior to representing anything, presents itself, displays itself. Necessarily. This necessity of the form to reveal itself fascinates me, because it points to a concealment. Without this concealment no unveiling, no manifestation would be conceivable, there would be no “coming to light.” The same dialectic, the same game as between speech and silence. But I am digressing… You want to know something about their birth: I have thought about the forms that could become a warning (and maybe also become monumental), that could attempt, in any case, an opposition to the tendency to forget. I wanted to put them beside those names, those places, those dates, precisely as an admonition.
The choice of placing these sculptures on cardboard boxes conveys the idea that they have just arrived from who knows where, or that they are about to depart: could you tell me something about this installation?
The relationship between a sculpture and its base is rarely a simple one. Actually it is a very difficult relationship. Usually I put my works directly on the ground. In this case, though, the sculptures – especially the small ones that most clearly reveal their character as projects – could not stay on the ground; they wanted to be observed from a different perspective. Placing them on the boxes I had in the studio was the most simple, natural gesture, and it worked. There is something transitional about this placement. As you correctly point out, a desire to move, to change location, like an urgency…
Allow me to make another observation: these forms of metal screen seem somehow connected to a scientific imaginary… a science that seems to be infiltrated by an evil disposition. Am I mistaken? Normally you use natural materials. In most of your work it is possible to glimpse a relationship with the organic world… And while it is true that the forms displayed here could belong to some natural realm, it would in any case be an alien realm, of a nature issuing from a mind dominated by a sort of disquieting scientific obsession…
…you are not mistaken. I must admit that a natural form usually intrigues me more than an artifact or an industrial product. Often a natural form seems to ask me: do you know where I come from, do you know why I have the form that I have, can you predict the form I will assume as I transform, do you understand what moves me? I know that I do not know: and that is precisely what drives me. In my work, in any case, I feel free to use anything that can serve to say what I want to say, without any preconceived limitations. Here, in Memoriale Volubile, the nature I address is a wounded, offended nature. A nature in agony. An agony that cannot be separated from the “disquieting scientific obsession” you mentioned. Exposed to that obsession, these forms are contaminated. You said “an alien realm”: no, here you are mistaken. If these forms speak of alienation, that alienation, that madness is not of another world, but this world. They are forms of madness: mad forms of pain. An unbearable pain. That can no longer be withstood.
So, on closer examination, can we see a political position, in the end, in this latest work of yours?
Can I ask you a question, at this point? On closer examination, is there anything people do or undergo – consciously or unconsciously – that is done or undergone outside of politics?[/read]

Memoriale Volubile. 04’21”, 2015 (teaser 01’01”)

Memoriale Volubile, Backstage, 01’31”, 2015
The video shows the phases of work that led to the making of Memoriale Volubile: from paper drafts to metal screen sculptures, all the way to the moment when they “take flight, frame by frame” in the artist’s studio. The soundtrack develops in a crescendo and then a diminuendo of sounds, released by the materials during the work.

2011 Compianto

×    

20
11

Compianto
[Video]

In this video, as the title indicates, Ferruccio Ascari goes back to a subject that belongs to the tradition of Christian sacred art, namely the Lamentation of Christ,[read more=”Read More”less=”Read Less”]a theme that begins in the 1300s with Giotto in the frescoes of the Scrovegni Chapel in Padua and then becomes popular in Italian art over the next two centuries.
Once again the artist starts with visual material from two previous installations – Luogo Presunto (Presumed Place) and Sapiens – also used in two other videos in the site, Artisti contro il nucleare and Prometheus which are interconnected in a subterranean way. The fixed shot, short time span and singular soundtrack – a traditional Lucanian chant belonging to the genre of the lamentation – determine the character of this video whose theme – that of death – intertwines with that of pity and horror regarding the massacres perpetrated by human beings against other human beings.[/read]

Compianto. 00’26”, 2011

2016 Promethèus

×    

20
16

Promethèus
[Video]

The video can be seen as a development of Artisti contro il nucleare, made by Ferruccio Ascari at the time of the Referendum in 2011[read more=”Read More”less=”Read Less”]on the proposal to resume the production of nuclear power in Italy.
The visual material on which the artist draws is the same: an installation of slender figures made with metal wire, whose title – Sapiens – significantly alludes to the species to which they belong, its evolution, its achievements and the use that has been made of them over the course of history. An important feature of Prometheus is the soundtrack, Will be war soon?, a musical composition by Konstantin Trokay. The importance of the sound in this video is underlined by the darkness that accompanies many of the musical sequences: a darkness interrupted only by fleeting apparitions that seem to be the remains of a shattered world. The video, like the musical composition, raises questions about the future that may await us, and the use we human beings make of science and technology.[/read]

Promethèus, 04’55”, 2016 (teaser 0’33”)

2016 Promethèus

×    

20
16

Promethèus
[Video]

Il video può essere visto come uno sviluppo di Artisti contro il nucleare realizzato da Ferruccio Ascari in occasione del Referendum del 2011[read more=”Read More”less=”Read Less”]relativo alla proposta di reintroduzione dell’energia nucleare in Italia.
Il materiale visivo cui l’artista ha attinto è il medesimo: un’installazione di esili figurette in filo di ferro il cui titolo, Sapiens, significativamente allude alla specie cui apparteniamo, alla sua evoluzione, alle sue conquiste e all’uso che nel corso della storia ne è stato fatto. Un elemento di rilievo in Promethèus è la traccia sonora, Will be war soon? , una composizione musicale di Constantin Trokay. L’importanza che l’elemento sonoro assume in questo video è sottolineata dal buio che accompagna molte delle sequenze musicali: un buio interrotto unicamente da fulminee apparizioni che appaiono come resti di un mondo andato in frantumi. il video, come del resto la composizione musicale, è un’interrogazione sul futuro che potrebbe attenderci, sull’uso che noi esseri umani faremo della scienza e della tecnica.[/read]

Promethèus, 04’55”, 2016 (teaser 0’33”)

2015 Memoriale Volubile Video

×    

20
15

Memoriale
Volubile

[Video]

Memoriale Volubile, I Capitolo di Restless Matter, prende avvio da un’installazione realizzata da Ferruccio Ascari, in una sua prima versione, nel 2009 a Darmstadt in occasione di una sua personale nel Museo Schloss Lichtenberg.[read more=”Read More”less=”Read Less”]L’opera, secondo una processualità che caratterizza il lavoro dell’artista, è stata successivamente declinata in una serie di varianti in relazione al diverso luogo in cui è stata ospitata. Gli elementi che la costituiscono, come accade in questo video, subiscono una continua trasmutazione: sono oggetti/sculture leggere e inquietanti in cui entrano in relazione senza conciliarsi trasparenza e opacità, bellezza e rovina; forme che mantengono un legame con il mondo organico, ma sembrano anche appartenere ad un regno alieno. Il titolo – Memoriale Volubile – getta una luce sulla genesi dell’opera: l’orrore per la serie di disastri ambientali che hanno costellato la nostra epoca e insieme la volontà di mantenerne viva la memoria contrastando la dimenticanza, l’assuefazione al disastro. Si tratta, come afferma l’artista a proposito del titolo “dell’accostamento di due parole di senso opposto: ‘memoriale’ che attiene al ricordare o al far ricordare e ‘volubile’ che, al contrario, riguarda il volgersi altrove, lo scordare […] Una locuzione che oscilla tra un’impossibile coincidenza dei contrari ed il loro irrisolvibile conflitto”. La traccia sonora, elemento significativo di questo video in stop motion, è tratta da Vibractions, un’installazione sonora di Ferruccio Ascari del 1978.[/read]
/
Intervista con Ferruccio Ascari, Febbraio 2009[read more=”Read More”less=”Read Less”]

Memoriale Volubile: che significa?

Eʼ una locuzione contraddittoria ricavata dall’accostamento di due parole di senso opposto: ‘memoriale’, che attiene al ricordare o al far ricordare, e ‘volubile’ che, al contrario, riguarda, il volgersi altrove, lo scordare. Una locuzione inventata unendo due parole di significato contrastante, che oscilla tra unʼimpossibile ‘coincidenza dei contrari’ ed il loro irrisolvibile conflitto.

In questa mostra troviamo Memoriale Volubile impresso sulla copertina di alcuni libri bianchi collocati allʼinterno di teche e, inoltre, su scatole di cartone che sorreggono sculture di rete metallica: un titolo dunque che si ripete, differenziandosi soltanto per il numero seriale che lʼaccompagna. Puoi spiegare che tipo di serialità questo titolo indica?
Titolo e immagine, nome e cosa sono, qui, inscindibili. La locuzione Memoriale Volubile spiega – nella sua irriducibile ambiguità – lʼimmagine, la cosa, tanto quanto queste ultime spiegano la locuzione. Questa relazione incrociata si dispiega nella ripetizione, nella serialità: la serialità cui “parola e cosa” rimandano è una serialità tragica che è sotto gli occhi di tutti. Eʼ la serie infinita di disastri ambientali di cui abbiamo perso il numero e di cui, comunque, non possiamo perdere la memoria. Eʼ proprio lʼoscillazione tra la memoria e la sua cancellazione la contraddizione che Memoriale Volubile, a suo modo, indica.
Libri sotto teca, sigillati, che non si possono sfogliare…
… libri dellʼorrore, libri illeggibili, memoriali la cui copertina reca soltanto lʼimmagine di un luogo, il suo nome – Chernobyl per esempio – e la data di quel disastro. Niente altro. Basta comunque, ritengo, ad evocare un orrore che nessuna coscienza può tollerare.
Sculture leggere e, insieme, inquietanti. Oggetti simmetrici, ma di una simmetria pencolante, sbilanciata, cose come sullʼorlo di un precipizio. Come in pericolo eppure pericolose. Cose in cui entrano in relazione, senza conciliarsi, trasparenza e opacità, bellezza e rovina. Puoi dire cosa ti ha mosso ad inventare delle simili forme?
Eʼ stato dʼimprovviso, come se, dʼun tratto, avessi sentito il bisogno di partire, di fare un viaggio. Lasciare quello che stavo facendo. Andare via: un viaggio mentale, un viaggio tremendo. Ho cominciato a navigare in rete alla ricerca di quei luoghi della memoria, di quei luoghi dellʼorrore: Vajont, Seveso, Bhopal, Mururoa… viaggio interminabile, allucinante. E concretissimo. Niente di virtuale. Un giorno ho preso a scaricare dai siti che andavo visitando alcune immagini di quei luoghi. Un numero crescente di foto di quei disastri. Sempre di più. Un gesto compulsivo, come dettato dalla paura che il numero di quelle immagini dovesse essere infinito e dalla disperata volontà che avesse una fine…
… si tratta delle immagini che compaiono sul frontespizio dei libri bianchi collocati nelle teche… e le sculture?
Ho sentito come insopportabile lʼassuefazione al disastro, il pericolo che quei luoghi potessero essere dimenticati. Quei luoghi, il nome di ciascuno di quei luoghi, dovrebbe essere ripetuto ad alta voce, ogni giorno… Eppure la voce, la parola non basta. Perlomeno a me che gioco con la forma…
…giochi?
Sai di una cosa più seria del gioco?
Dʼaccordo. Ma torniamo a quelle forme, alla loro inquietudine, alla loro genesi…
… una forma, prima di rappresentare qualsiasi cosa, si presenta, si espone. Necessariamente. Questa sua necessità dʼesporsi mi affascina. Mi affascina perché presuppone un celarsi. Senza questo celarsi nessun dis-velamento, nessuna manifestazione sarebbe concepibile, non vi sarebbe alcun ‘venire alla luce’. Stessa dialettica, stesso gioco tra parola e silenzio. Ma sto divagando…Tu vuoi sapere qualcosa intorno alla loro nascita: ho pensato a delle forme disponibili a farsi monito (forse anche a diventare monumentali), che tentassero comunque di opporsi alla tendenza a dimenticare. Ho voluto accostarle a quei nomi, a quei luoghi, a quelle date appunto come un monito.
La scelta di collocare queste sculture su delle scatole di cartone dà lʼidea che siano appena giunte da chissà dove o che stiano per partire: puoi parlarmi di questa installazione?
ll rapporto tra una scultura e la sua base è raramente un rapporto facile. Per la verità è un rapporto difficilissimo. Di solito colloco direttamente per terra i miei lavori. In questo caso però le sculture, soprattutto quelle di piccole dimensioni che dichiaravano con più evidenza un loro carattere progettuale, non riuscivano a star per terra, pretendevano che le si guardasse da una diversa prospettiva. Quello di poggiarle su delle scatole che avevo in studio è stato il gesto più semplice, naturale ed ha funzionato. Permane un che di transitorio in questa collocazione. Cʼè, come tu giustamente osservavi, una volontà di muoversi, di traslocare, come unʼurgenza…
Consentimi ancora una osservazione: queste forme di rete metallica, mi paiono in qualche modo collegabili ad un immaginario scientifico… una scienza in cui sembra essersi insinuata una disposizione maligna. Mʼinganno? Normalmente tu usi materiali naturali. Nella maggior parte del tuo lavoro è possibile scorgere una relazione con il mondo dell’organico… E se anche le forme qui esposte potrebbero, è vero, appartenere ad un qualche regno naturale, si tratterebbe, comunque, di un regno alieno, di una natura come scaturita da una mente in cui domina una sorta dʼinquietante ossessione scientifica…
… non tʼinganni. Devo ammettere che una forma naturale mʼinterroga, solitamente, più di quanto non faccia un manufatto o un prodotto industriale. Una forma naturale è facile mi chieda: lo sai da dove vengo, lo sai perché ho la forma che ho, puoi prevedere la forma che, trasformandomi, assumerò, lo capisci cosa mi muove? Io so di non saperlo: èʼ proprio questo che mi spinge a lavorare. Nel mio lavoro, ad ogni modo, mi sento libero dʼusare qualsiasi cosa mi serva a dire quello che voglio dire, senza alcuna limitazione pregiudiziale. Qui, in Memoriale Volubile, la natura alla quale mi volgo è una natura ferita, offesa. Una natura in agonia. Unʼagonia che è impossibile separare da quella “inquietante ossessione scientifica” cui alludevi. Esposte a quella ossessione, queste forme ne sono contaminate. Dicevi “un regno alieno”: no, qui sei in errore. Se queste forme dicono di unʼalienazione, quell’alienazione, quella follia non è di un altro, ma di questo mondo. Sono forme di pazzia: forme pazze di dolore. Un dolore insopportabile. Che non è più possibile sopportare.
Dunque, a ben vedere, in questo tuo ultimo lavoro, possiamo, in fondo, scorgere una posizione politica?
Posso essere io adesso a porti una domanda? A ben vedere, cʼè qualcosa che gli uomini facciano o subiscano – coscientemente o incoscientemente – che venga fatta o subita al di fuori dalla politica?[/read]

Memoriale Volubile. 04’21”, 2015 (teaser 01’01”)

Memoriale Volubile, Backstage, 01’31”, 2015
Il video mostra le fasi di lavorazione che hanno condotto alla realizzazione di Memoriale Volubile: dai bozzetti in carta alle sculture in rete metallica sino al loro ‘prendere il volo, ’ frame by frame’, nello studio dell’artista. La traccia sonora del video si sviluppa secondo un ‘crescendo’ e poi un ‘diminuendo’ delle sonorità scaturite dai materiali durante la loro lavorazione.

2014 restlessmatter.net

×    

20
14

Restlessmatter.net

restlessmatter.net è un progetto speciale appositamente concepito da Ferruccio Ascari per il web. Una serie di installazioni e sculture appartenenti a periodi diversi della sua produzione artistica divengono, in questo progetto, punto di partenza per un ciclo di video d’artista che verranno progressivamente pubblicati su questo sito. Secondo una modalità tipica di tutto il suo lavoro egli procede per variazioni: attraversando linguaggi sempre diversi ogni nuova opera è quindi lo sviluppo di questioni già presenti in quelle precedenti.

2011 Compianto

×    

20
11

Compianto
[Video]

In questo video, come il titolo indica, Ferruccio Ascari ha ripreso un soggetto che appartiene alla tradizione dell’arte sacra cristiana, ossia il Compianto sul Cristo morto,[read more=”Read More”less=”Read Less”]tema che prende avvio nel Trecento con Giotto negli affreschi della Cappella degli Scrovegni a Padova e diviene poi popolare nell’arte italiana dei due secoli successivi.
Ancora una volta l’artista è partito dai materiale visivo di due sue precedenti installazioni – Luogo Presunto e Sapiens – utilizzato anche in altri due video presenti nel sito, Artisti contro il nucleare e Prometheus che, in modo sotterraneo, sono tra loro collegati. L’inquadratura fissa, la brevissima durata e la singolare traccia sonora – un canto tradizionale lucano appartenente al genere del compianto – caratterizzano questo video il cui tema, quello della morte, si intreccia con quello della pietà e insieme dell’orrore nei confronti dei massacri compiuti dagli esseri umani nei confronti dei propri simili.[/read]

Compianto. 00’26”, 2011