2007 apparente

×    

20
07

Apparente

Apparente (Apparent), a work made with 36 panes of glass arranged on six overlaid registers. The white silhouettes that emerge in each are captured as if in flight,[read more=”Read More”less=”Read Less”]blocked for an instant in a sort of snapshot that conveys only a partial image. As the title suggests, in its etymological sense — apparent is that which is evident, manifest — this is something that seems to appear for a fraction of a second in our visual field, imprinted on the retina, and then vanishes due to the force of an unstoppable movement.[/read]

Apparente. Enamel on glass, 36 panel of glass 25×35 cm each, 2007 [DG0076]

1987 Elelisphatos

×    

19
87

Elelisphatos
Glass

(english version coming soon)

Un segno fluido, luminoso, continuo, fa emergere da un fondo nero e vellutato dodici figure che si sviluppano longitudinalmente. occupando interamente il campo del foglio di carta.[read more=”Read More”less=”Read Less”]Di esse l’autore dice, alludendo alle scritture misteriose che le attraversano, che sono corpi che portano segni, ne sono attraversati: segni di una topografia “corporale” e insieme “sottile”, “atlante anatomico” e insieme “mappe dell’altro mondo”. Allo Zodiaco come simbolo per se stesso e come insieme di simboli particolari esse sono collegate; ma allo Zodiaco qui ci si riferisce, più che altro, come al luogo delle corrispondenze, punto di congiunzione tra l’elemento terrestre e quello celeste dove, in una fuga all’infinito, qualcosa sta al posto di qualcos’altro. Dalla volta celeste che è la loro casa le dodici immagini sembrano dire che la separatezza è un’invenzione umana, che ogni cosa, anche la più minuscola, fa parte di un tutto da cui è inscindibile.[/read]

Elelisphatos. Bitumed on glass sheets, 270×300 cm, 1987 [S0007]