1973 tra guardare e vedere PROVA DI PAOLO

19
73

Tra Guardare
e Vedere

‘Tra Guardare e Vedere’ è la prima personale di Ferruccio Ascari allora ventiquattrenne. Il titolo della mostra indica, già da allora, un’attitudine analitica che rimarrà una costante della sua ricerca.[read more=”Read More”less=”Read Less”]Rossana Bossaglia, che presentò la mostra, parlava di “allegoria, nella quale il pubblico è chiamato a intervenire per cogliere, attraverso una serie di gesti… il senso della segregazione dell’opera d’arte. Nel percorso, i punti più rappresentativi (il quadro visto attraverso una serie di sportellini, le cui chiavi sono anche misteriosamente inservibili; il quadro nascosto dai veli che vanno lacerati; il piccolo quadro cui si giunge attraverso una perentoria indicazione direzionale costituita dalla striscia nera) tendono a risolversi come simboli, a operazione compiuta: cioè a rimanere come esempi dell’approccio, avvenuto o no.”[/read]

Tra Guardare a Vedere. Installazione ambientale, Collegio Cairoli, Pavia, 1973 [S0016]

Tra Guardare a Vedere. Manifesto originale della mostra, 1973
Tra Guardare a Vedere. Fotocopie tratte dalla pubblicazione realizzata come accompagnamento alla visita mostra, 1973

[:it]

19
73

Tra Guardare
e Vedere

‘Tra Guardare e Vedere’ è la prima personale di Ferruccio Ascari allora ventiquattrenne. Il titolo della mostra indica, già da allora, un’attitudine analitica che rimarrà una costante della sua ricerca.[read more=”Read More”less=”Read Less”]Rossana Bossaglia, che presentò la mostra, parlava di “allegoria, nella quale il pubblico è chiamato a intervenire per cogliere, attraverso una serie di gesti… il senso della segregazione dell’opera d’arte. Nel percorso, i punti più rappresentativi (il quadro visto attraverso una serie di sportellini, le cui chiavi sono anche misteriosamente inservibili; il quadro nascosto dai veli che vanno lacerati; il piccolo quadro cui si giunge attraverso una perentoria indicazione direzionale costituita dalla striscia nera) tendono a risolversi come simboli, a operazione compiuta: cioè a rimanere come esempi dell’approccio, avvenuto o no.”[/read]

Tra Guardare a Vedere. Installazione ambientale, Collegio Cairoli, Pavia, 1973 [S0016]

Tra Guardare a Vedere. Manifesto originale della mostra, 1973
Tra Guardare a Vedere. Fotocopie tratte dalla pubblicazione realizzata come accompagnamento alla visita mostra, 1973

[:]

1973 tra guardare e vedere

19
73

Tra Guardare
e Vedere

‘Tra Guardare e Vedere’ è la prima personale di Ferruccio Ascari allora ventiquattrenne. Il titolo della mostra indica, già da allora, un’attitudine analitica che rimarrà una costante della sua ricerca.[read more=”Read More”less=”Read Less”]Rossana Bossaglia, che presentò la mostra, parlava di “allegoria, nella quale il pubblico è chiamato a intervenire per cogliere, attraverso una serie di gesti… il senso della segregazione dell’opera d’arte. Nel percorso, i punti più rappresentativi (il quadro visto attraverso una serie di sportellini, le cui chiavi sono anche misteriosamente inservibili; il quadro nascosto dai veli che vanno lacerati; il piccolo quadro cui si giunge attraverso una perentoria indicazione direzionale costituita dalla striscia nera) tendono a risolversi come simboli, a operazione compiuta: cioè a rimanere come esempi dell’approccio, avvenuto o no.”[/read]

Tra Guardare a Vedere. Installazione ambientale, Collegio Cairoli, Pavia, 1973 [S0016]

Tra Guardare a Vedere. Manifesto originale della mostra, 1973
 /
Tra Guardare a Vedere. Fotocopie tratte dalla pubblicazione realizzata come accompagnamento alla visita della mostra, 1973